salta al contenuto

Tribunale di Torino

Magistrati

Uffici e Cancellerie

Servizi al cittadino

Trasparenza e Comunicazione

Servizi ai professionisti

Vendite giudiziarie

Servizi online

Accettazione o rinuncia alla carica di esecutore testamentario

Scheda aggiornata al 11/02/2019

COS'E'

E’ l’accettazione espressa dell’incarico di esecutore testamentario, necessaria affinché l’incarico diventi esecutivo.

Occorre che l’esecutore accetti la nomina o la rifiuti con dichiarazione resa nella Cancelleria del Tribunale nella cui giurisdizione si è aperta la successione, e deve essere annotata nel registro delle successioni.

L’esecutore testamentario è la persona di fiducia di chi ha redatto il testamento, ovvero colui al quale viene dato l’incarico di eseguire esattamente le ultime volontà scritte nel testamento.

CHI PUO' RICHIEDERLA

L’esecutore testamentario. E’ competente il Tribunale del luogo nella cui giurisdizione si è aperta la successione, (luogo dell’ultimo domicilio del defunto).

E’ ammessa anche la nomina di una persona giuridica, la quale dovrà avere la piena capacità di agire esattamente come è richiesto per le persone fisiche, pertanto non possono essere nominati esecutori testamentari minori, interdetti, inabilitati, minori emancipati.

DOVE

Presso il Palazzo di Giustizia - Tribunale di Torino - Cancelleria Successioni - Settore I – Ingresso 1 - Secondo Piano – Stanze 23302, 23303

Informazioni telefoniche: 011/432 8019 – 011/ 432 8030 - 011/432 8731

Fax: 011/432 8353

e-mail: ufficio.successioni.tribunale.torino@giustizia.it

Orario sportello: da lunedì al venerdì 8:30 – 12:30

E' POSSIBILE PRESENTARSI PERSONALMENTE SENZA APPUNTAMENTO DAL LUNEDI' AL VENERDI' DALLE 8:30 ALLE 10:00

COME SI SVOLGE

La nomina dell’esecutore testamentario può essere fatta solo con l’atto di ultima volontà. Il testatore può nominare anche più di un esecutore. L’autorità giudiziaria, su istanza di qualsiasi interessato può assegnare all’esecutore un termine per l’accettazione, decorso il quale l’esecutore si considera rinunciante.
L'esecutore testamentario deve rendere conto della sua gestione al termine della stessa ai sensi dell' art. 709 c.c. (vedi modulo allegato "Rendiconto finale dell'esecutore testamentario").

NOTA BENE

Allegare:

  • copia in bollo del testamento rilasciato dal Notaio;
  • documento di identità e codice fiscale di chi accetta o rinuncia e codice fiscale del defunto;
  • dichiarazione sostitutiva di certificato di morte (vedi modulo allegato) attestante data, luogo di decesso ed indicazione dell’ultima residenza al fine di confermare la competenza territoriale di questo ufficio, corredata di fotocopia di documento di chi autocertifica.

COSTI

  • € 200,00 in contanti per pagamento oneri di registrazione da versare tramite mod. F23 presso l’ufficio postale o la banca presenti all’interno del Palazzo di Giustizia, dopo la redazione dell’atto;
  • € 16,00 di marca da bollo per redazione atto;
  • ulteriori costi di bollo e di diritti di cancelleria per eventuale rilascio copie.

TEMPI

Gli utenti che non sono assistiti da professionisti (notaio, avvocato, altro ...) dopo circa 40 giorni dalla data della dichiarazione possono prenotare copia autentica del provvedimento presso l'ufficio U.R.P., piano terra, ingresso 1, stanza 01620, dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 12:30, oppure possono prenotare online sul sito www.tribunale.torino.giustizia.it, cliccando sul box in alto a destra "Sportello del cittadino" e seguendo la procedura indicata per la prenotazione on-line. In questo modo dovranno recarsi presso i nostri sportelli solo per il ritiro.
E' possibile delegare al ritiro della copia una terza persona con delega scritta e fotocopia del documento valido di identità del delegante.

Se il delegato è un professionista (notaio, avvocato, altro ...) potrà richiedere copia autentica del provvedimento presso la Cancelleria Centrale Civile - Front Office, scala A, primo piano, stanza 11601, dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle ore 12:30.

Questa scheda ti ha soddisfatto?




Vi ricordiamo che, non essendo un servizio di consulenza legale, non è possibile richiedere informazioni specifiche e personalizzate su singoli casi.