salta al contenuto

Tribunale di Torino

Magistrati

Uffici e Cancellerie

Servizi al cittadino

Trasparenza e Comunicazione

Servizi ai professionisti

Vendite giudiziarie

Servizi online

Nomina e revoca di presentatori per protesto di titoli di credito

Scheda aggiornata al 06/02/2019

COS'E'

Il rifiuto del pagamento di un titolo di credito deve essere constatato con un atto autentico (protesto). L'ufficiale giudiziario e il notaio, sotto la propria responsabilità, possono servirsi di presentatori per la levata del protesto.

CHI PUO' RICHIEDERLO

Il notaio, l'ufficiale giudiziario e il messo comunale sono equiparati al pubblico ufficiale ai sensi e per gli effetti delle disposizioni del titolo II del libro II del codice penale.

DOVE

  • Per l'utenza professionale: Presso il Palazzo di Giustizia - Tribunale di Torino - Corso Vittorio Emanuele II, 130 - 10138 - Cancelleria Volontaria Giurisdizione - Piano Terra - Ingresso 3 - Aula 11

Informazioni telefoniche: 011/432 8431

Orario sportello: dal lunedì al venerdì 8:30 – 12:30

  • Per l'utenza privata: Presso il Palazzo di Giustizia - Tribunale di Torino - Corso Vittorio Emanuele II, 130 - 10138 - Ufficio U.R.P. – Sportello per il Cittadino - Piano Terra - Ingresso 1 - Stanza 01620

Informazioni telefoniche: 011/432 9039 - 011/432 7970

Orario sportello: dal lunedì al venerdì 9:00 -12:30

COME SI SVOLGE

I presentatori sono nominati ed autorizzati a svolgere la loro funzione con provvedimento del Presidente del Tribunale su ricorso presentato dal notaio o dall'ufficiale giudiziario.

Ciascun notaio e ciascun ufficiale giudiziario può avvalersi dell'opera di due presentatori. Soltanto al fine di assicurare il soddisfacimento di particolari esigenze di servizio il numero dei presentatori può essere elevato a sei.

L'elenco dei presentatori autorizzati per ciascun notaio o ufficiale giudiziario è depositato presso la cancelleria del tribunale.

Il Presidente del Tribunale revoca l'autorizzazione a richiesta del notaio o dell'ufficiale giudiziario, ovvero quando vengono meno i requisiti e le condizioni di cui ai commi precedenti.

Il decreto di autorizzazione o di revoca è pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e diventa esecutivo non appena è portato a conoscenza del presentatore.

I presentatori devono: possedere i requisiti richiesti per i fidefacienti della legge sull'ordinamneto del notariato; aver conseguito la licenza di scuola media; non aver riportato condanna alla pena della reclusione per delitto non colposo.

NOTA BENE

I requisiti possono essere provati con dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà e occorre allegare parere favorevole del Consiglio notarile.

COSTI

  • Contributo unificato di € 98.
  • Marca da € 27 per diritti forfetizzati per notifiche.