salta al contenuto

Tribunale di Torino

Magistrati

Uffici e Cancellerie

Servizi al cittadino

Trasparenza e Comunicazione

Servizi ai professionisti

Vendite giudiziarie

Servizi online

Come partecipare

Scheda aggiornata al 06/02/2019

INFORMAZIONI

Il custode, il professionista delegato o, per gli immobili posti in vendita dai fallimenti, il curatore fallimentare sono a disposizione per dare informazioni sugli immobili e sulle vendite.

L’avviso di vendita integrale e la relazione dell’esperto, disponibili su questo sito, forniscono informazioni dettagliate sull’immobile, corredate da fotografie.

E’ possibile visitare gratuitamente gli immobili, prendendo accordi con il custode indicato nell’avviso o con il curatore fallimentare.

Nelle vendite giudiziarie non è dovuto alcun compenso di mediazione.

PUNTO INFORMATIVO VENDITE GIUDIZIARIE

E’ ACCESSIBILE PRESSO IL TRIBUNALE (PIANO IV, SCALA C) UN PUNTO INFORMATIVO NEI GIORNI DI MARTEDÌ, MERCOLEDÌ E GIOVEDÌ DALLE 10,00 ALLE 13,00 – TEL.: 0114328022.

È INOLTRE ATTIVO IL NUMERO VERDE 800.722.009 DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ CON ORARI 9:30-12:30 | 15:00- 17:00.

COME PARTECIPARE

Chiunque, eccetto il debitore, può partecipare alla vendita.
L’offerta di acquisto deve essere sottoscritta dall’offerente e deve contenere le seguenti indicazioni:

  • per le persone fisiche: nome, cognome, data e luogo di nascita, codice fiscale, regime patrimoniale tra coniugi, residenza e recapito telefonico;
  • per le persone giuridiche: denominazione, sede dell’ente, codice fiscale e recapito telefonico.

All’offerta devono essere allegati i seguenti documenti:

  • per le persone fisiche: copia della carta di identità e del tesserino del codice fiscale;
  • per le persone giuridiche: copia della carta di identità del legale rappresentante e certificato camerale aggiornato o documento equivalente da cui risultino l’identità del legale rappresentante, i relativi poteri e i dati della società o ente.

L’offerta deve essere depositata in busta chiusa presso lo studio del delegato entro il giorno prima della data di udienza; sull’esterno della busta devono essere indicati il giorno dell’udienza e il nome del professionista delegato; nell’offerta devono essere indicati il numero della procedura, il lotto che si intende acquistare (se vi sono più lotti), il prezzo offerto, il termine e il modo del pagamento e ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; all’offerta devono essere allegati una marca da bollo da 16 euro e la cauzione, non inferiore al 10% del prezzo offerto, mediante assegno circolare non trasferibile intestato al professionista delegato. L’offerta è irrevocabile per 120 giorni dalla data del deposito. All’udienza il delegato, se vi sono più offerte, invita gli offerenti alla gara.

DOPO L’AGGIUDICAZIONE

Il prezzo deve essere versato nel termine stabilito nell’avviso di vendita.

Se dall’avviso di vendita l’immobile risulta gravato da un mutuo fondiario, l’aggiudicatario può subentrare al mutuo , pagando alla banca entro 15 giorni dall’aggiudicazione rate scadute, accessori e spese.
Se non si avvale di questa facoltà ha in ogni caso l’obbligo di versare direttamente alla banca, fino alla concorrenza del prezzo di aggiudicazione, l’ammontare precisato per capitale, interessi e spese.

E’ in ogni caso possibile ottenere un mutuo garantito da ipoteca sull’immobile per pagare il prezzo di aggiudicazione. L’elenco delle banche disponibili si trova su questo sito

In caso di mancato, insufficiente o tardivo versamento del residuo prezzo, verrà dichiarata la decadenza dell’aggiudicatario e confiscata la cauzione, salvi gli ulteriori provvedimenti di cui all’art. 587 cpc..

Insieme al prezzo, l’aggiudicatario deve versare il fondo per le spese di trasferimento nella misura indicata dal delegato o in mancanza di indicazioni nella misura del 20% del prezzo di aggiudicazione (salva restituzione delle somme non utilizzate)

Con il decreto con cui trasferisce la proprietà dell’immobile il giudice dispone la cancellazione delle ipoteche e dei pignoramenti.
Le spese di cancellazione delle formalità di pregiudizio sono definitivamente poste a carico dell’aggiudicatario.