salta al contenuto

Tribunale di Torino

Magistrati

Uffici e Cancellerie

Servizi al cittadino

Trasparenza e Comunicazione

Servizi ai professionisti

Vendite giudiziarie

Servizi online

Autorizzazione a vendere beni caduti in successione

Scheda aggiornata al 06/02/2019

COS'E'

Gli eredi che hanno accettato con beneficio d'inventario, i quali vogliano vendere o compiere atti di straordinaria amministrazione sui beni ereditari, hanno l'obbligo di chiedere le autorizzazioni al Giudice della successione. La regola riguarda sia i beni immobili che i beni mobili (entro 5 anni dall'accettazione) e serve ad impedire che siano pregiudicati gli interessi di creditori e legatari.

La violazione di tale obbligo comporta la decadenza dell'erede dal beneficio d'inventario e, di conseguenza, l'erede risponderà dei debiti dell'eredità anche con il proprio patrimonio personale.

L'autorizzazione a vendere beni ereditari si chiede con ricorso diretto al Tribunale del luogo in cui si è aperta la successione, e cioè del luogo dell'ultimo domicilio del defunto al momento della morte.

Nel caso in cui i beni appartengano a incapaci (minori, interdetti, inabilitati), deve essere sentito il giudice tutelare e dev’ essere richiesta l’autorizzazione del Tribunale  (vedi scheda Autorizzazione a vendere proprietà di incapace).

Il giudice provvede sul ricorso con decreto contro il quale è ammesso reclamo davanti alla Corte di Appello.

L’assistenza del difensore è facoltativa.

CHI PUO' RICHIEDERLA

L’erede che ha accettato con beneficio d’inventario.

DOVE

Presso il Palazzo di Giustizia - Tribunale di Torino - Corso Vittorio Emanuele II, 130 - 10138 - Cancelleria Successioni - Settore I - Ingresso 1 - Secondo Piano - Stanze 23302, 23303

Informazioni telefoniche: 011/432 8019 - 011/432 8030 - 011/432 8731

Fax: 011/432 8353

E-mail: ufficio.successioni.tribunale.torino@giustizia.it

Orario sportello: da lunedì al venerdì 8:30 – 12:30

COME SI SVOLGE

La richiesta di autorizzazione può essere presentata con ricorso specificando gli estremi dell’accettazione con beneficio di inventario ed il valore di stima (attestato con perizia asseverata) dei beni. Al ricorso devono essere allegate:

  • copia dell'accettazione con beneficio d'inventario;
  • copia dell'inventario;
  • copia della dichiarazione di successione (immobili);
  • perizia giurata (immobili);

COSTI

  • Contributo Unificato € 98,00
  • Una marca da bollo € 27,00 per diritti forfetizzati per notifica